Lo sbarco dell’uomo sulla Luna nel Luglio del 1969 è stato un evento storico che ha interessato molti aspetti della società oltre che la scienza e la tecnologia.
Trasmesso in diretta in quasi tutto il mondo, l’allunaggio fu accompagnato anche da una grande campagna di comunicazione mediatica promossa da

«I visionari dirigenti del Dipartimento Affari Pubblici della NASA che hanno usato un approccio giornalistico al marketing e alle pubbliche relazioni per educare il pubblico, oltre che stabilire un ordine del giorno o vendere un messaggio. Gli addetti agli Affari Pubblici della NASA hanno capito che cosa era necessario per una buona storia e quali erano i dettagli capaci attirare l’attenzione dei media. Così la NASA ha creato materiali che rispondevano alle esigenze dei giornalisti, come articoli firmati, conferenze mediatiche sponsorizzate, filmati televisivi, trasmissioni radiofoniche prodotte ad hoc e, infine, kit stampa».

David Meerman Scott, stratega di marketing e consulente aziendale, ha raccolto e collezionato il materiale relativo a questo particolare aspetto legato alla Missione Apollo 11 e pubblicato il libro Marketing the Moon: The Selling of the Apollo Lunar Program, che raccoglie i press kit di tutte quelle imprese i cui prodotti e ricerche portarono o accompagnarono la storica missione.

In occasione del cinquantenario, lo stesso David Meerman Scott ha deciso di rendere disponibili ad un vasto pubblico le cartelle stampa in suo possesso creando il sito, Apollo Press Kits, dal quale è possibile consultare e scaricare questi particolari materiali: dalle cartelle della stessa NASA a quelle della IBM, passando per chi produceva altri prodotti come le tute, le macchine fotografiche, gli orologi, fino alle penne.

Oggi potrebbe essere definito come “pubblicità del brand”, ma all’epoca era un passo rivoluzionario per un’agenzia governativa che aveva bisogno di raccontare la sua storia in modo accurato ed efficiente in un clima da Guerra Fredda.
Era una proposta radicale: la NASA, non i militari, avrebbe rilasciato informazioni e le informazioni sarebbero state rilasciate prima, non dopo, una missione – un’antitesi alla tipica strategia militare di segretezza.

La NASA ha perciò creato materiali che rispondevano alle esigenze dei giornalisti in comunicati stampa, articoli corredati da materiali di base, conferenze stampa e interviste pianificate, notiziari televisivi e trasmissioni radiofoniche interamente prodotte e complete di interviste ed effetti sonori. Ogni missione è stata spiegata in anticipo dall’Ufficio affari pubblici e riportata con testi e immagini molto più elaborati di qualsiasi altro kit di stampa prodotto fino a quel momento.

Apollo Press Kits è dunque un’ottima risorsa, in particolare per chi si occupa di storia della comunicazione.

Apollo Press kit
Apollo Press kit

Collezione di David Meerman Scott:

Apollo Kits – The Eart
LA TERRA
Stouffer’s, IBM e North American Rockwell sono tra gli appaltatori che hanno collaborato con la NASA sugli aspetti legati alla Terra della missione Apollo 11, come il laboratorio per analizzare la polvere lunare restituita alla terra.

Apollo Kits – The Launch
IL LANCIO
Bendix, Boeing e Rocketdyne hanno lavorato con la NASA per prepararsi al lancio sviluppando potenti buste per razzi e testando la navicella Apollo: modulo di comando, modulo di servizio e modulo lunare.

Apollo Kit – LUNAR MODULE
IL MODULO LUNARE
Grumman, Ryan e Harris Electronics hanno collaborato con centinaia di altri appaltatori per costruire la prima navicella spaziale al mondo per trasportare gli umani sulla superficie della Luna.

Apollo Kits – The Moon
LA LUNA
ILC Industries e altri hanno preparato gli astronauti costruendo uno strumento che misurasse la pressione e la temperatura della luna e una tuta spaziale che potesse sopravvivere al duro ambiente lunare.

Apollo Kits – Astronauts
GLI ASTRONAUTI
General Precision Systems e altri hanno lavorato per fornire strumenti come un simulatore di missioni che permetteva agli astronauti di prepararsi a sfide come l’atterraggio in sicurezza sulla superficie lunare.

Apollo Kits – The Reveal
LA TRASMISSIONE
Western Union e Westinghouse sono stati tra gli appaltatori che hanno collaborato con la NASA per consentire alle missioni Apollo di trasmettere video in tempo reale dallo spazio; un’impresa notevole

Visita il sito
Apollo Press Kits
4.9Punteggio totale
Voti lettori: (2 Voti)

A proposito dell'autore

Laureata in Storia presso l’Università Ca’ Foscari di Venezia con uno studio sulla società longobarda dell'Italia meridionale nell'Alto Medioevo, ha conseguito la Laurea specialistica in Archivistica e biblioteconomia presso lo stesso Ateneo con una tesi sulle biblioteche digitali per gli studi medievistici. Autore di Storia Digitale | Contenuti online per la Storia: blog-repertorio che dal 2007 si propone di monitorare e selezionare iniziative e progetti presenti nel web utili agli studi storici.

Post correlati

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.