Nell’archivio documentario confluiscono gli archivi di grandi gruppi e imprese di cui l’attuale Gruppo TIM è erede. Di seguito alcune informazioni di sintesi. Per un panorama più dettagliato si rimanda alla guida online sul sito ufficiale.Il Gruppo elettrico Sip (1899-1964)L’Archivio del Gruppo elettrico Sip  fa riferimento all’attività del Gruppo che è all’origine dell’industria telefonica italiana. All’interno di questo Archivio si trovano dunque le carte prodotte dalla Società industriale Elettrochimica Pont Saint Martin (1899-1918), quelle del Gruppo elettrico Sip (1918-1964) e i documenti delle imprese elettriche e delle numerose società operanti in altri settori (telefonico, radiofonico, immobiliare ed editoriale), via via confluite all’interno del Gruppo.Il Gruppo telefonico Stet-Sip (1925-1997)Sono qui riuniti i due grandi archivi che documentano la storia delle telecomunicazioni italiane: l’Archivio della Sip telefonica e l’Archivio del Gruppo Stet.L’Archivio della Sip telefonica fa riferimento a due grandi fasi della storia della telefonia italiana: quella delle società telefoniche concessionarie attive dal 1925 al 1964 e quella della Sip-Società italiana per l’esercizio del telefono, poi Società per l’esercizio delle telecomunicazioni, nata nel 1964. L’Archivio del Gruppo Stet (1933-1997) fa riferimento alla documentazione prodotta dalla Stet,la finanziaria telefonica dell’Iri costituita nel 1933 per coordinare inizialmente l’attivitàdelle tre concessionarie telefoniche del Gruppo Sip elettrico (Stipel, Telve e Timo).Nel secondo dopoguerra, sotto la guida di Guglielmo Reiss Romoli, la Stet pose le basi per trasformarsi progressivamente in un grande Gruppo a forte integrazione verticale.Archivio Azienda telefonica di Stato Asst (1925-1994)L’Archivio Asst è dato in deposito a Telecom Italia dal MiBACT.  Dopo le opportune operazioni di censimento, selezione e scarto, tutta la documentazione è stata condizionata in 26.788 scatole. Non è ancora inventariato. L’Asst, istituita nel 1925 in seguito alla riforma del sistema telefonico nazionale, aveva il compito di gestire le principali linee interurbane, di costruire ed esercire le telecomunicazioni interurbane e internazionali, di controllare e vigilare l’attività delle società telefoniche concessionarie.L’Asst fu soppressa nel 1992. Archivio Italcable (1921-1994)L’Archivio Italcable è di recente acquisizione. Attualmente le carte sono accessibili grazie a un primo elenco di versamento che fornisce un’indicazione sommaria del loro contenuto. La società Italcable, fondata a Milano nel 1921 e con sede in Roma, era attiva nel campo delle telecomunicazioni internazionali. I documenti conservati  vanno dai primi anni Venti fino alla cessazione dell’attività nel 1994.Archivio CSELT-TILab (1964-anni 2000)È di recente acquisizione. Raccolto in 2.800 scatole,  attualmente non è in consultazione. Lo CSELT (Centro Studi e Laboratori Telecomunicazioni), fondato a Torino da STET nel 1964, fu tra i primi centri di ricerca industriale in Italia.  La sua storia è quella di un’eccellenza italiana che ha svolto un ruolo di primo piano anche nello scenario di ricerca internazionale.Archivi aggregatiQuesta sezione conserva alcuni piccoli ma significativi fondi di provenienza varia. Il  fondo Andrea Viglongo (amico di Antonio Gramsci nonché  collaboratore di “Ordine nuovo” e successivamente editore) documenta le forme e i contenuti della pioneristica comunicazione aziendale negli anni ’20. Il fondo Aldo Goi, donato dai familiari, documenta l’impegno nella Resistenza dei partigiani  Stipel a Milano.  La serie Contratti di lavoro è una raccolta di documenti in copia prodotta in collaborazione con l’Archivio Storico CGIL di Torino.La documentazione iconografica custodita dall’Archivio storico Telecom Italia è di circa 70.000 immagini, di cui circa 38.000 (tra fotografie, diapositive, positivi, negativi, ecc.) inventariate e in parte schedate. L’arco temporale va dai primi decenni del Novecento al 2000. I documenti provengono prevalentemente dalla stampa aziendale delle diverse società. Di particolare interesse sono i documenti che  provengono dall’archivio della redazione torinese del periodico aziendale “Selezionando”, il mensile che nasce come house organ Stipel per diventare nel 1964 house organ della Sip-Società italiana per l’esercizio del telefono.Il patrimonio audiovisivo consiste in circa 2500 documenti in via di inventariazione e schedatura.

Sorgente: L’Archivio Storico Telecom Italia (oggi TIM): oltre la business history

A proposito dell'autore

Laureata all’Università Ca’ Foscari di Venezia in Storia e in Archivistica e biblioteconomia, si interessa di ricerca e valutazione delle risorse web per gli Studi Storici, progettazione e promozione della conoscenza storica attraverso le nuove tecnologie.

Post correlati