Il progetto “Itinerari culturali del medioevo pugliese” (Settore di Intervento II – Risorse culturali. Sottoasse II. Patrimonio Culturale) – Diffusione dei risultati catalografici e di ricognizione sul patrimonio culturale – si inserisce in una serie di iniziative finalizzate alla realizzazione di un portale regionale destinato all’utenza interessata al turismo culturale in Puglia. La catalogazione informatizzata dei beni culturali svolta ad opera delle soprintendenze territoriali, secondo le indicazioni e gli standard catalografici elaborati dall’Istituto Centrale per il Catalogo e la Documentazione (ICCD) ha sviluppato nel tempo delle metodologie che ben si prestano alla conoscenza sistematica del territorio e delle sue risorse ed alla loro valorizzazione.

La banca dati dei beni culturali pugliesi ha fornito gli elementi necessari alla realizzazione di un progetto articolato in tre componenti:

Castelli. Dai monumenti federiciani alla vita di corte tra medioevo ed età moderna

Mosaici  tra tardoantico e medioevo. La rilettura delle cattedrali alla luce delle nuove ricerche, dei restauri, degli scavi archeologici;

Aspetti specifici della presenza bizantina nella Regione Puglia. La civiltà rupestre nell’area ionico-salentina

I tre tematismi sono in piena sintonia con quanto previsto nei Complementi di Programmazione della Regione Puglia, Asse II – Risorse Culturali, che ha individuato nell’Itinerario normanno-svevo-angioino, nell’habitat rupestre e nel sistema archeologico regionale tre punte di eccellenza su cui puntare per incrementare la valorizzazione e la fruizione dei beni culturali in Puglia.

La capillare diffusione del patrimonio architettonico regionale con i suoi castelli e le sue cattedrali, simboli del potere temporale e di quello religioso, è realtà ben nota, come la consuetudine dell’utilizzo di grotte e cavità naturali come abitazioni e rifugio per l’uomo, che ha determinato il nascere ed il consolidarsi di quel fenomeno comunemente definito “civiltà rupestre”, che caratterizza soprattutto l’epoca medievale in cui l’habitat rupestre costituì una forma di insediamento privilegiata. Il progetto si propone di fornire all’utenza una mappatura completa delle più significative emergenze relative ai tre grandi temi prescelti.

Visit this resource

A proposito dell'autore

Laureata all’Università Ca’ Foscari di Venezia in Storia e in Archivistica e biblioteconomia, si interessa di ricerca e valutazione delle risorse web per gli Studi Storici, progettazione e promozione della conoscenza storica attraverso le nuove tecnologie.

Post correlati

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata