“Questa ricerca ricostruisce alcune linee di storia delle principali fabbriche attive a Torino durante la seconda guerra mondiale; fornisce nello stesso tempo una sintesi sulla condizione delle vicende del movimento operaio torinese che fu un soggetto politico e sociale di primo rilievo nella lotta di Liberazione nella nostra città.
Il lavoro, è bene precisarlo, non è un censimento completo delle industrie torinesi ma riguarda 33 fabbriche presenti sul territorio cittadino, la cui scelta è stata dettata da due fattori principali: il rilievo di ciascun stabilimento nelle vicende della guerra e della resistenza e la disponibilità di documentazione.
Il lavoro quindi presenta contenuti disomogenei in ragione della diversità delle fonti disponibili.
Il materiale utilizzato, di tipo bibliografico (particolarmente rilevanti si sono rivelate le pubblicazioni e gli opuscoli aziendali redatti dai singoli stabilimenti) ed archivistico (sono stati consultati i fondi dei Verbali dei Cln aziendali custoditi presso l’Istituto piemontese per la storia della Resistenza e della società contemporanea, quelli dell’Intendenza di Finanza-Reparto danni di guerra custoditi all’Archivio di Stato di Torino e i fondi della Camera di Commercio di Torino), è stato integrato con le fonti orali. Attraverso interviste aperte strutturate intorno ai temi del lavoro, della fabbrica, della guerra e della resistenza, si è potuto integrare la “biografia” di alcune fabbriche.
I ricordi di operai, operaie, partigiani hanno così restituito una memoria che aveva nella fabbrica e nella tradizione operaia il punto di sutura tra l’esperienza dei singoli e la dimensione collettiva.

a cura di Carlo Pischedda, Istituto piemontese per la storia della Resistenza e della societa’ contemporanea

Visita il sito

 

A proposito dell'autore

Laureata all’Università Ca’ Foscari di Venezia in Storia e in Archivistica e biblioteconomia, si interessa di ricerca e valutazione delle risorse web per gli Studi Storici, progettazione e promozione della conoscenza storica attraverso le nuove tecnologie.

Post correlati

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata