Il comune di Iglesias, capofila del progetto, con la partecipazione finanziaria della Provincia di Carbonia Iglesias, unitamente alle Amministrazioni comunali di Calasetta, Musei, Sant’Antioco, San Giovanni Suergiu, Villamassargia, ha partecipato con successo al bando promosso dalla Regione Autonoma della Sardegna – Assessorato degli Affari Generali, Personale e Riforma, nell’ambito dell’intervento "SIAI204 – Servizi Informativi per lo sviluppo delle economie dei distretti dell’identità", previsto dall’Accordo di Programma Quadro in materia di Società dell’Informazione, per la realizzazione nel territorio del Sulcis-Iglesiente del Progetto SADEL – Salvaguardia Archivi e Documenti Enti Locali. Il progetto prevedeva la digitalizzazione di materiale archivistico di Enti Locali, istituzioni pubbliche o private o singoli cittadini, al fine di consentire, mediante le potenzialità offerte dagli strumenti più specifici della Società dell’Informazione uniti alle capacità di comunicazione e divulgazione dei canali web, il conseguimento degli obiettivi di salvaguardia e quelli di accesso e divulgazione del patrimonio documentario raro e di pregio.

Nello specifico, il progetto redatto dal Comune di Iglesias, Calasetta, Musei, Sant’Antioco, San Giovanni Suergiu e Villamassargia ha previsto la digitalizzazione degli atti più antichi e significativi conservati presso i rispettivi archivi storici comunali. Le finalità che le amministrazioni comunali perseguono, con la realizzazione del progetto, sono le seguenti:

  • avere la disponibilità di una copia di sicurezza della documentazione;
  • evitare, in caso di consultazione, la manipolazione dell’originale;
  • poter rilasciare copie a quanti le richiedano per ragioni di studio senza manipolare gli originali;
  • rendere disponibili tali immagini digitalizzate on-line unitamente agli strumenti di corredo alla consultazione (inventari, elenchi, ecc.);
  • fornire testi per la lettura critica dei documenti riprodotti.

Per facilitare l’accesso alle immagini, ogni oggetto digitale è corredato di specifici metadati, compilati a norma del MAGSCHEMA v. 2.0, che sono mutuati dagli standard descrittivi specifici per ogni tipologia di materiale. Trattandosi esculsivamente di materiale archivistico si è seguito lo standard ISAD (G) per la descrizione delle singole unità archivistiche e di quello ISAAD (CPF) per le informazioni di contesto relative ai soggetti produttori, con la costruzione di un recordset coerente con lo standard Dublin Core. Quest’ultimo standard permette la descrizione di una grande varietà di risorse in formati diversi in modo abbastanza generale tale da includere ogni indicazione di contenuto e da garantire l’interoperabilità semantica all’interno di una rete di dati concordati nel loro significato e valore. Sotto la guida del NISO (National Information Standards Organization), lo standard di metadati Dublin Core è stato recepito come norma ISO 15836:2003.

Per permettere la contestualizzazione storica, istituzionale e archivistica dei documenti digitalizzati, e quindi una loro lettura critica, sono stati elaborati testi suddivisi in due macro partizioni che si riferiscono, rispettivamente, alla città di Iglesias e agli altri paesi che hanno aderito al progetto, in ragione delle differenti vicende istituzionali. L’apparato di note testuali dà conto dell’evoluzione dei soggetti produttori nel corso del tempo, con riferimento alle funzioni svolte e alla struttura amministrativa, mentre i documenti sono rappresentati nel contesto archivistico d’origine.

I testi critici sono disponibili anche nella forma di strumenti didattico-divulgativi multimediali. I file sono scaricabili e stampabili nel formato tipico delle pubblicazioni.

Inoltre, è stata curata un’edizione del testo dell’antico statuto comunale, noto come Breve di Villa di Chiesa, basato su una riproduzione in formato ocr dell’edizione ottocentesca a stampa, curata da Carlo Baudi di Vesme, che è stata puntualmente controllata per garantire la riproduzione fedele del testo e quindi rivista alla luce delle più moderne regole di trascrizione dei documenti medievali. L’elaborato finale permette la ricerca full text dei termini ed è disponibile in versione pdf e doc."

 

Visit this resource

A proposito dell'autore

Laureata all’Università Ca’ Foscari di Venezia in Storia e in Archivistica e biblioteconomia, si interessa di ricerca e valutazione delle risorse web per gli Studi Storici, progettazione e promozione della conoscenza storica attraverso le nuove tecnologie.

Post correlati

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata