I MOOC sono corsi universitari online che consentono alle persone di accedere ad una formazione di qualità, a prescindere dalla loro provenienza geografica e dalla loro istruzione pregressa. Una vera rivoluzione anche per il mondo delle Università italiane, che da alcuni anni hanno raccolto la sfida della rivoluzione Internet applicata alla didattica a distanza.  

MOOC è un acronimo che sta per

Massive: prevede una massiccia partecipazione di utilizzatori.

Open: chiunque può accedere al corso e ai materiali disponibili per la formazione.

Online: la formazione avviene a distanza, attraverso una connessione internet.

Courses: corsi organizzati in diverse sessioni con un calendario di attività che prevede la partecipazione attiva dello studente attraverso la relazione con una classe virtuale e in particolare le verifiche intermedie e finali da completare per l’ottenimento della certificazione.

I MOOC sono gratuiti, mentre la certificazione può essere a pagamento.  

Un MOOC comporta solitamente un impegno di alcune settimane, da 4 a 10. La lingua delle lezioni frontali è per la maggior parte l’inglese, sia perché dipende dalle università partecipanti sia per rivolgersi ad un vasto pubblico,  ma ci sono corsi in francese, spagnolo, tedesco, italiano, giapponese e cinese e solitamente sono attivabili i sottotitoli almeno in lingua inglese.  

Chi frequenta la Rete li conosce almeno dal 2011, quando molte università americane formarono una sorta di Consorzio per attivare la piattaforma Coursera.org, ancora in ottima salute e in continua implementazione con corsi e nuove adesioni:

Dal 2007 era già attiva la piattaforma Alison e dal 2008 Khan Academy, più orientata verso le materie scientifiche come la EDX, mentre Coursera spazia dalle discipline umanistiche a quelle scientifiche, come pure altre piattaforme arrivate subito dopo, in particolare FutureLearn in collaborazione con The Open University e la francese Fun-Mooc.    

In Italia, dal 2013 è attiva la piattaforma italiana Eduopen, nata in collaborazione con il MIUR offre corsi universitari gratuiti con particolare attenzione alla formazione insegnanti alla voce Education e Teaching.  Dal 2016 è attiva Federica una piattaforma e-learning realizzata dall’Università degli Studi di Napoli Federico II, oggi affiancata da Emma un aggregatore per l’accesso ai MOOC europei in diverse lingue.  

A chi si rivolgono i MOOC ? A tutti. Il requisito necessario è l’interesse e la costanza nel seguire l’intero corso per apprendere o approfondire la conoscenza su alcuni temi e periodi o avvicinarsi a nuove discipline.  

L’offerta è vasta e di differenti livelli. Ogni piattaforma permette di filtrare i corsi per area e lingua oltre alla ricerca libera attraverso il motore di ricerca interno. La pertinenza dei risultati è legata alla descrizione delle risorse e alla scelta delle categorie.     MOOC di Storia nelle principali piattaforme:

Personalmente lo trovo un mondo straordinario e uno dei modi migliori per ricordarci che prima Internet poi il web sono nati nelle università e nei centri di ricerca, per condividere le informazioni e ampliare la  conoscenza come ben spiega Charles Russell Severance nel suo corso Internet History, Technology, and Security.

A proposito dell'autore

Laureata in Storia presso l’Università Ca’ Foscari di Venezia con uno studio sulla società longobarda dell'Italia meridionale nell'Alto Medioevo, ha conseguito la Laurea specialistica in Archivistica e biblioteconomia presso lo stesso Ateneo con una tesi sulle biblioteche digitali per gli studi medievistici. Autore di Storia Digitale | Contenuti online per la Storia: blog-repertorio che dal 2007 si propone di monitorare e selezionare iniziative e progetti presenti nel web utili agli studi storici.

Post correlati

2 Risposte