150 anni fa veniva proclamata l’Italia Unita. Da allora il nostro Paese ha attraversato due guerre, il boom economico, ha visto mutare la propria composizione sociale, è entrato nell’Europa Unita e nel novero delle nazioni più industrializzate del mondo.
150 anni che hanno cambiato l’Italia e gli italiani, ma che non sono pensabili senza il patrimonio comune di valori e di ideali maturali nel Risorgimento.
Nell’anno delle celebrazioni del 2011, l’iniziativa “I luoghi della memoria”
vuole riscoprire i territori sui quali sono germogliate le passioni politiche e civili che hanno dato vita il processo unitario, luoghi spesso dimenticati e poco valorizzati.

Il presente sito, che diventerà col tempo una piattaforma aperta ai contributi degli utenti e un vero e proprio Museo Virtuale della Memoria ad uso di scuole, studiosi e appassionati, si pone come punto di raccordo di tutte le iniziative sul territorio nazionale dedicate alle celebrazioni del 150° anniversario dell’Unità d’Italia.”

“Il progetto “I luoghi della memoria” è stato costituito come progetto sistemico, declinato attraverso due dimensioni: geografica (i luoghi) e storico-culturale (la memoria).

La geografia è quindi la prima dimensione da recuperare, come ha sottolineato il Comitato dei Garanti nella riunione del 28 settembre 2009, allorché ha specificato che è “evidente che in un Paese con una geografia e una storia così strettamente interrelate, i luoghi e la loro specificità culturale, politica e istituzionale, hanno un peso specifico ineludibile“, e dunque, di conseguenza, “perché non si proceda a una rassegna di iniziative locali senza criterio, sarà opportuno procedere con una mappatura che incroci l’importanza relativa di ciascun luogo nel processo di unificazione nazionale e i vari periodi in cui questo incrocio si è rivelato più fecondo. Torino, Milano, Napoli, Genova, Venezia, Palermo, Firenze, Bologna, Roma – ma naturalmente molti altri luoghi“.

La seconda dimensione lungo la quale è declinato il progetto è quella storico-culturale, legata alla memoria. L’essenziale, infatti, è continuare a fare memoria e a trasmettere memoria, evitando la perdita irreparabile di informazioni. Per far questo è di fondamentale importanza portare alla luce le informazioni sulla storia dei luoghi. Questa è la prospettiva che ha ispirato il  progetto “I luoghi della memoria”, finalizzato a riscoprire e valorizzare la dimensione geografica attraverso quella storico-culturale, e viceversa, mediante la classificazione ed enumerazione progressiva dei luoghi; il restauro dei monumenti e la risistemazione e valorizzazione urbanistica; l’introduzione presso ciascun luogo di una segnaletica modulare.

L’elenco dei luoghi è vasto nel numero e articolato nella tipologia, come risulta dalla mappatura su territorio nazionale con i dati pervenuti dalle Soprintendenze ai Beni culturali.

Di tutti quelli presenti ne sono stati individuati, secondo criteri ben precisi, alcuni che sono stati inseriti in questo progetto.

Il Comitato dei Garanti, nel corso della riunione del 18 giugno 2010, ha individuato cinque parametri per definire gli interventi prioritari all’interno dell’elenco. I parametri sono i seguenti:

1.Stato di conservazione del bene come accertato dalla Soprintendenza competenze (NB. Tale criterio è da considerarsi prioritario rispetto a quelli successivi);
2.Rilevanza del monumento, dell’evento celebrativo, del personaggio in relazione al periodo storico del Risorgimento;
3.Valore artistico dell’opera in oggetto;
4.Rarità relativa dell’oggetto effigiato;
5.Dislocazione territoriale.

 

Visita il sito

 

Ultima visita 20/05/2018
Visit this resource

A proposito dell'autore

Laureata in Storia presso l’Università Ca’ Foscari di Venezia con uno studio sulla società longobarda dell'Italia meridionale nell'Alto Medioevo, ha conseguito la Laurea specialistica in Archivistica e biblioteconomia presso lo stesso Ateneo con una tesi sulle biblioteche digitali per gli studi medievistici. Autore di Storia Digitale | Contenuti online per la Storia: blog-repertorio che dal 2007 si propone di monitorare e selezionare iniziative e progetti presenti nel web utili agli studi storici.

Post correlati

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.