Dagli anni Sessanta del Novecento computer e informatica si sono proposti allo storico quali preziosi strumenti di ricerca, pur ponendo problematiche metodologiche non ancora del tutto superate.

Gli studiosi del settore attraverso pubblicazioni e seminari hanno da allora dato vita a numerose riflessioni, dalle esperienze degli anni Settanta sino agli anni Novanta, anni in cui il mutamento digitale posto dalla Rete ha portato ad interrogarsi sulla compatibilità di Internet con la ricerca storica.

Qualità e volatilità sono oggi alla base dei grandi interrogativi di chi fa ricerca, soprattutto in una disciplina quale è la Storia, che si fonda sull’analisi di fonti e poggia su impalcature storiografiche.

La Storia in BIT

Tratto da

Le biblioteche digitali per gli studi medievistici / Stefania Manni tesi di Laurea Magistrale discussa all’Università di Ca’ Foscari nel 2005, relatore Riccardo Ridi. LS/5 ARCHIVISTICA E BIBLIOTECONOMIA.

Licenza Creative Commons
La Storia in BIT di Stefania Manni è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.

A proposito dell'autore

Laureata in Storia presso l’Università Ca’ Foscari di Venezia con uno studio sulla società longobarda dell'Italia meridionale nell'Alto Medioevo, ha conseguito la Laurea specialistica in Archivistica e biblioteconomia presso lo stesso Ateneo con una tesi sulle biblioteche digitali per gli studi medievistici. Autore di Storia Digitale | Contenuti online per la Storia: blog-repertorio che dal 2007 si propone di monitorare e selezionare iniziative e progetti presenti nel web utili agli studi storici.

Post correlati

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.