La banca dati I Governi italiani (1861-1970) dell’Archivio Centrale dello Stato consente di analizzare nella loro complessita’ le vicende attraverso le quali nel corso di piu’ di un secolo si snodano lo sviluppo e la cultura delle istituzioni.

“La banca dati presenta le schede relative alle compagini governative succedutesi dall’Unita’ d’Italia fino al 1970, quando con legge n. 281, si provvide al varo delle regioni a statuto ordinario.
Per ogni governo sono riportate la legislatura e le date estreme di effettiva durata dei ministeri. In molti casi quindi la data terminale non e’ quella del decreto di accettazione delle dimissioni da parte del re o del presidente della repubblica ma quella di nomina del governo successivo. In questi casi si e’ data l’indicazione in nota della data del decreto di accettazione delle dimissioni. Le schede relative ai governi sono corredate da quelle riguardanti i ministeri, i sottosegretariati, i segretariati generali, gli alti commissariati, ecc.

Inoltre di tutti coloro che a titolo diverso sono citati vengono presentate le biografie complete. Le schede contenenti le informazioni biografiche sono prioritariamente rivolte all’analisi dell’attivita’ parlamentare e istituzionale, ma danno conto anche del ruolo svolto dai protagonisti nella societa’ civile e sono state realizzate utilizzando gli strumenti conservati presso l’ACS quali le fonti archivistiche, in particolare gli originali dei decreti della Presidenza del Consiglio dei Ministri che danno informazioni sulle date di nomina e dimissioni di ciascun governo, e a stampa, “Calendario generale del Regno”, “Guida Monaci”, “Dizionario biografico degli italiani” e “Governi, alte cariche dello stato e prefetti del Regno d’Italia” di Mario Missori.

Le schede biografiche riportano: i dati anagrafici (data e luogo di nascita e morte); il curriculum con indicazione del titolo di laurea, la professione, i gradi della carriera, i principali incarichi in organi consultivi, in istituzioni scientifiche e in enti locali, gli incarichi presso enti territoriali (assessore, consigliere, sindaco ecc.). Ove possibile questi dati sono integrati dagli estremi cronologici.
Per quanto riguarda le cariche presso la Camera danno conto della legislatura, del collegio di appartenenza e della data di elezione. Per il Senato del Regno sono riportati i dati sulla nomina a senatore, in particolare la data del decreto reale di nomina e la categoria cosi’ come previsto dall’art. 33 dello Statuto Albertino. Per il Senato della Repubblica invece sono indicati l’anno di elezione ed il collegio di appartenenza.”

Il modulo di ricerca sfrutta le potenzialità della classificazione a faccette e delle liste elastiche per rendere immediatamente esplicito all’utente l’universo informativo coperto dalla banca dati, attraverso la diretta esposizione delle classi di oggetti rappresentate (le faccette), dei singoli specifici valori effettivamente presenti (metadati) e del loro peso relativo (occorrenze). All’inizio della navigazione, tutti i metadati disponibili nella banca dati vengono esposti nelle liste di valori che compongono le faccette, affiancati dal numero di occorrenze. (note sul sistema)

La banca dati I Governi italiani (1861-1970) dell’Archivio Centrale dello Stato partecipa a DATI.ACS, piattaforma di pubblicazione di Linked Open Data sui dati tratti dagli inventari realizzati dall’Archivio Centrale dello Stato da interrogare liberamente. L’ACS «libera» i primi dati estratti da alcuni inventari analitici relativi all’Archivio della Direzione Generale dell’Agricoltura del Ministero dell’Agricoltura, industria e commercio (1860-1912), al Casellario Politico Centrale (1894-1945) e alla serie Marchi di fabbrica dell’Ufficio italiano brevetti e marchi del Ministero dell’industria, del commercio e dell’artigianato.

 

Visita il sito

 

A proposito dell'autore

Laureata in Storia presso l’Università Ca’ Foscari di Venezia con uno studio sulla società longobarda dell'Italia meridionale nell'Alto Medioevo, ha conseguito la Laurea specialistica in Archivistica e biblioteconomia presso lo stesso Ateneo con una tesi sulle biblioteche digitali per gli studi medievistici. Autore di Storia Digitale | Contenuti online per la Storia: blog-repertorio che dal 2007 si propone di monitorare e selezionare iniziative e progetti presenti nel web utili agli studi storici.

Post correlati

2 Risposte

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.