Intento del progetto «Codices Electronici Sangallenses» (Biblioteca digitale dell’abbazia di San Gallo) è rendere accessibili i manoscritti medievali conservati nella Biblioteca abbaziale di San Gallo grazie alla creazione di una biblioteca virtuale.

Nei primi due anni pilota verrà riprodotta digitalmente una selezione dei più bei codici miniati, in una risoluzione tale da consentire ai ricercatori non solo di lavorare con i manoscritti, ma anche di compiere analisi dettagliate (concernenti la storia dell’arte, ad esempio) delle miniature presenti nei codici. I dati concernenti i manoscritti (in primo luogo le loro descrizioni scientifiche) saranno immagazzinati in una banca-dati che consentirà l’accesso ad essi a partire dai documenti digitalizzati. Sarà in tal modo possibile disporre di uno strumento di lavoro volto ad una ricerca a lungo termine sui codici, in grado potenzialmente di incamerare tutte le informazioni concernenti un determinato codice. Questo nuovo strumento potrà in qualche misura sostituire la consultazione diretta dei pregiati documenti originali, favorendo in tal modo una loro migliore conservazione. Grazie all’accessibilità in internet tramite una presentazione accattivante e di immediato impatto i molteplici motivi di interesse dei manoscritti medievali potranno aprirsi a un pubblico più ampio.

 

Visit this resource

A proposito dell'autore

Laureata all’Università Ca’ Foscari di Venezia in Storia e in Archivistica e biblioteconomia, si interessa di ricerca e valutazione delle risorse web per gli Studi Storici, progettazione e promozione della conoscenza storica attraverso le nuove tecnologie.

Post correlati

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata