“La necessità di conservare i documenti digitali costituisce una delle emergenze che le istituzioni della memoria (biblioteche, archivi, musei) e più in generale tutti i produttori di contenuti digitali devono e dovranno sempre di più fronteggiare nel futuro.
Le maggiori esperienze internazionali hanno ormai dimostrato che si tratta non solo e non tanto di un problema di tecnologie, quanto piuttosto di un problema di organizzazione, strutture adeguate, finanziamenti. La normativa vigente sul deposito legale, che riguarda anche i cosiddetti “documenti diffusi tramite rete informatica”, costituisce un buon punto di partenza per avviare la costituzione di una infrastruttura nazionale per la conservazione permanente delle risorse digitali. La Direzione Generale per le Biblioteche, le Istituzioni culturali e il Diritto d’autore del MiBAC, attraverso una convenzione recentemente siglata fra la Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze, la Biblioteca Nazionale Centrale di Roma e la Biblioteca Nazionale Marciana, con il supporto della Fondazione Rinascimento Digitale, ha avviato un progetto sperimentale, denominato “Magazzini digitali”, per la conservazione permanente dei documenti digitali che verranno depositati presso le biblioteche nazionali.

Il progetto verrà presentato a Venezia, presso il Salone sansoviniano della Biblioteca Nazionale Marciana, il 23 aprile 2010, in una giornata di lavoro che, nella sessione pomeridiana, affronterà il tema del deposito di una particolare tipologia di documenti digitali, le tesi di dottorato prodotte dalle università italiane, con particolare riferimento alle università del Veneto.”

Visita il sito

A proposito dell'autore

Laureata con lode in Storia presso l’Università Ca' Foscari di Venezia con una tesi sulla trasformazione delle istituzioni altomedievali attraverso i documenti privati, ho di seguito conseguita la laurea magistrale in Archivistica e biblioteconomia con una tesi sulle biblioteche digitali per gli studi medievistici. Da quegli studi e quelle letture nasce il progetto di condivisione delle risorse disponibili in rete per gli studi storici.

Post correlati

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata