L’Istituto Luigi Sturzo raccoglie e conserva presso la propria sede numerosi archivi riguardanti la storia del movimento cattolico, le organizzazioni sociali e politiche dei cattolici, le espressioni comunque rilevanti della presenza cattolica nella società italiana, dal primo dopoguerra al 1994.
Da diversi anni l’Istituto è impegnato nella valorizzazione di questo imponente patrimonio documentario, favorendo un processo di sempre più ampia apertura dei propri archivi al pubblico anche attraverso l’utilizzo delle tecnologie informatiche.
In questo contesto l’Istituto Sturzo ha realizzato questo sito web dedicato alle fonti per la storia della Democrazia cristiana, che prevede l’informatizzazione e la messa a disposizione sulla rete internet degli inventari e del patrimonio iconografico contenuti nell’archivio storico del partito.
Il progetto ha realizzato una base dati multimediale dedicata alla storia della Democrazia cristiana offrendo una ampia possibilità di consultazione di fonti archivistiche e bibliografiche.
Lo studio delle fonti prodotte da questo partito, la cui storia s’interseca con quella nazionale e internazionale del secondo dopoguerra, offre l’opportunità di ripercorrere le vicende politiche, la storia dei governi e delle maggioranze ed il rapporto con le altre forze politiche, sociali, economiche e culturali del Paese. La realizzazione, quindi, di uno strumento di accesso alla documentazione prodotta dalla Democrazia cristiana, intende rispondere alle esigenze di informazione e di approfondimento critico intorno alle vicende che hanno segnato cinquant’anni di esistenza di un partito che ha inciso profondamente nella storia del nostro paese, dalla fine della seconda guerra mondiale ai primi anni Novanta.

 

I CONTENUTI STORICI E DIGITALI

>> La cronologia
L’area cronologica contiene schede in formato testo, che ricostruiscono in sei periodi, la storia del partito dal 1943 al 1993.

>> Le fonti per la storia del DC. Inventari e fonti a stampa
In questa sezione sono disponibili, per la consultazione e la stampa, gli inventari delle carte prodotte dagli organi e dalle strutture centrali del partito e degli archivi personali dei principali esponenti della Democrazia cristiana, i cui archivi sono conservati in Istituto.
Tutta la documentazione è schedata con il software GEA versione 4.1 che prevede una descrizione basata sugli standard ISAD e ISAAR.

In questa sezione sono presenti inoltre:
– le riproduzioni digitali dei manifesti prodotti dalla Democrazia cristiana – Servizio propaganda e stampa.
– l’archivio fotografico del quotidiano Il Popolo, provenienti dai servizi fotografici, prodotti dal giornale relativi a Consigli Nazionali, Congressi Nazionali e Assemblee del Partito.
– la raccolta degli audiovisivi prodotti dalla Democrazia cristiana – Servizio propaganda e stampa.
– le riproduzioni digitali degli Statuti emanati dal partito dal 1945 in poi.
– le riproduzioni digitali dei nove numeri dell’edizione clandestina de Il Popolo.
– le fonti bibliografiche. La sezione bibliografica consente di avere accesso al catalogo SBN della biblioteca dell’Istituto e contestualmente a quello nazionale, offrendo la bibliografia fondamentale sulla storia della DC; sono presenti inoltre le banche dati del materiale a stampa prodotto dalle strutture del partito (opuscoli, inserti, ecc.).

>> Percorsi
La terza sezione, prevede dei percorsi tematici di approfondimento storiografico la cui elaborazione è affidata al comitato scientifico del progetto.
Le informazioni contenute nella sezione Cronologia e l’apparato informativo sulle strutture del partito sono tratte da F. MALGERI, Storia della Democrazia cristiana, Roma, Cinque Lune – Palermo, Mediterranea, 1987

Il progetto è realizzato dall’Area studi e ricerche e dal Laboratorio digitale dell’Istituto Sturzo.”

Visit this resource

A proposito dell'autore

Stefania Manni è ideatore e curatore del progetto Storia Digitale | Contenuti online per la Storia. Laureata in Storia e in Archivistica e biblioteconomia all’Università Ca’ Foscari di Venezia, lavora in una biblioteca accademica e per passione si occupa di selezione di risorse web per la Storia e di progetti per promuovere la conoscenza storica attraverso le nuove tecnologie.

Post correlati